Continuando su questo sito dichiari di accettare i Termini e Condizioni per l'uso dei nostri cookies.
Slider Offer Banner
Nuovi Prodotti
I nostri servizi
Pagamenti Sicuri 100%
Le carte vengono gestite da PayPal
Restituzione Garantita
Garanzia di restituzione del prodotto
Supporto 24/7 Velocissimo
Hai una domanda? Cerca la risposta nelle nostre FAQ o contattaci
Velocità da mobile
Usa il sito da cellulare con velocità e sicurezza
Testimonial
I nostri ultimi articoli
Prodotti di tendenza
I più venduti
Allenamento Boxe da casa

Allenamento Boxe da casa

In questi maledetti periodi di Covid gli atleti chiedono come mantenere la forma fisica da casa. Molti Maestri si stanno attrezzando/ingegnando per seguire i propri ragazzi da casa utilizzando la tecnologia. Altri guardano a questa evoluzione dell’allenamento come una cosa inutile e forse dannosa.
A prescindere dalle vostre convinzioni certo è che dobbiamo fare qualcosa per mantenere la nostra forma fisica e deve essere funzionale al nostro sport. Infatti la chiave di lettura è proprio questa: allenarsi in modo non specifico potrebbe essere addirittura dannoso per il nostro sport. Quindi un pugile come può mantenere una buona forma fisica allenandosi da casa? Riscaldamento: - per prima cosa è necessario scaldarsi bene per evitare di danneggiare una muscolatura fredda. La corda è un ottimo attrezzo per riscaldarsi. 3 rounds da 3 minuti (con 1 minuto di riposo) è un ottimo punto di partenza. Una valida alternativa è anche quella di utilizzare una pallina da tennis e farla rimbalzare a terra alternando le mani e la guardia. Cercate di tenere il mento basso ed i gomiti attaccati al corpo simulando il meglio possibile la posizione di guardia chiusa. - E’ necessario quindi procedere a scaldare le articolazioni superiori con le rotazioni delle braccia e degli avambracci. 30 secondi in ogni direzione (dell’uno e dell’altro esercizio) saranno necessarie per scaldare bene spalle e gomiti - Ora possiamo iniziare a pompare un pò di sangue nei muscoli alti. 4 serie di push-up (piegamenti sulle braccia) sono esattamente ciò di cui abbiamo bisogno. L’importante è eseguirli con una tecnica perfetta. Gambe e schiena dovrebbero essere allineati su un unico piano. Il petto sfiora terra e si rialza. Cercate di gestire il numero in base alla vostra esperienza e forza. Se non riuscite a fare piegamenti (o non riuscite a terminare la serie) mettetevi sulle ginocchia e continuate sempre con tecnica perfetta. - Ora lavoriamo sugli addominali: questo gruppo muscolare deve essere “attaccato” da ogni angolazione in quanto svolgono una doppia funzione: sono i muscoli che aiutano il tronco a schivare, mantengono la postura e proteggono gli organi interno del corpo dai colpi di un avversario. Possiamo lavorare sia a ripetizioni che a tempo; il nostro consiglio è lavorare sempre a tempo e mantenere un ritmo costante per tutta la ripetizione. gestitevi una ripetizione per un periodo corretto per il vostro stato fisico. Il consiglio è lavorare e riposarsi per un periodo inizialmente della metà del tempo di lavoro per poi diminuire il tempo di riposo secondo le proprie possibilità - Ora mettetevi fascette e guantoni e fate Shadow Boxe. La Shadow Boxe a questo pun to dovrebbe simulare un vero e proprio combattimento. E’ preferibile farlo davanti ad uno specchio per controllare che i colpi siano portati perfettamente. E’ necessario simulare un avversario davanti a noi, quindi guardia alta, movimento di gambe, finte, parate e schivate. rientri ed incroci. Cercaste di cambiare anche ritmo durante il round esattamente come fareste durante un incontro. Alternate momenti intensi con qualche secondo dove riprendete fiato ed effettuate parate, schivate e tenete l’avversario a distanza. Vi consiglio inoltre di mettere un oggetto a terra che simuli il posto dove sta il vostro avversario, così farete attenzione di sferrare i pugni sempre allo stesso punto, girerete intorno all’avversario in modo corretto, etc. Per aumentare la difficoltà dell’esercizio potete utilizzare anche guanti più pesanti (14oz o 16oz). - Per chi avesse a casa un sacco ora è il momento di sfogarsi: non stiamo qui a spiegare come si utilizza un sacco da boxe nè come si portano i colpi perchè diamo per scontato una conoscenza minima del pugilato e delle attrezzature ad esso legate. Vogliamo solo dedicare qualche parola alla scelta dei guantoni giusti per colpire il sacco. A seconda del tipo di lavoro che si vuole fare possiamo scegliere i guanti da sacco, i guanti da boxe 10oz o quelli più pesanti (12oz, 14oz o 16oz). Se vogliamo migliorare la tecnica il consiglio è di utilizzare i guanti da sacco. La loro agilità e leggerezza li rende molto veloci. I guanti da sacco sono alleggeriti di ogni imbottitura superflua e non hanno il pollice protetto (che non deve parare quindi rischia solo se portiamo male i colpi). La loro imbottitura leggera ci permette di sentire i colpi come arrivano e quindi saremo facilmente in grado di correggerci. Se invece vogliamo caricare i colpi allora i guanti da sacco non sono adatti perchè andremmo a creare più o meno gravi traumi alle mani. Nel caso in cui si volesse scaricare forte sono necessari dei guanti da 10oz o più. Attenzione anche all’utilizzo dei guantoni da boxe da 10oz o più pesanti perchè, al contrario dei guanti da sacco che sono praticamente indistruttibili ed economici, i guantoni possono rovinarsi e a schiuma può appiattirsi o ammorbidirsi troppo nelle sessioni di sacco prolungate. Andrete quindi a diminuire drasticamente la vita dei vostri guantoni se li utilizzerete spesso al sacco. Ed ora, sperando di vedervi tutti presto in palestra, vi auguriamo un buon allenamento!!! Solution-pc

    Leave a Reply